Fighi sul metrò – красавцы в метро

Parole del giorno: внимание, красавцы на метро – attenzione, fighi sul metrò.

Data la velocità supersonica con cui finiscono i generi di prima necessità (l’unico simil-pane bianco mangiabile e la buonissima crema bicolore sotto-sottomarca della ciaocrem made in Russia), ormai il supermercato davanti alla stazione della metro Kievskaja è diventata la nostra seconda casa, rifugio e ospizio.

L’unico PIIIIIICCOLO inconveniente del suddetto supermercato è l’essere irraggiungibile a piedi dal malefico obshejitie, costringendoci ogni volta a un mirabolante viaggio sulla metro, in ora di punta, con tre buste della spesa a cranio PIU’ il bottiglione da sei litri d’acqua (bere l’acqua del rubinetto? Meglio di no, come vi spiegheremo nel post “Parassita a lunga conservazione”).

Ogni santa volta, comunque, vuoi per attitudine a tagliare le ali di folla stile vichingo incazzoso, vuoi per un certo phisique du role che permette rapidi sguizzamenti in direzione sedile, io e Elena riusciamo sempre a trovare un posto dove scaraventare le nostre stanche membra e sfuggire alla calca mortale della gente cтоящие (in piedi uHASUhasu). E ogni santa volta, immancabilmente, davanti a noi si piazzano dai due ai quattro giovani virgulti di Grande Madre Russia, rigorosamente in posa “figobeofotomodeo”, con un braccio poggiato sulla sbarra sopra la loro testa e il corpo stilosamente proteso verso il nulla.

Avete presente i servizi fotografici con la gente che si mette in pose strane in boxer Armani? Ecco, esattamente così. E ovviamente, una buona percentuale di loro, approfittando della posizione “avvoltoio sul letto della nonna”, si mettono allegramente ad osservare la Elenina seduta al mio fianco.

Poveri uomini, ci si mettono davvero di impegno. Peccato che la suddetta Elenina, immancabilmente:

-Mi guardi con fare circospetto, della serie “ci siamo già capiti”

-Sorrida nervosamente guardando il nulla

-Incominci a ridere senza freni, dando la colpa a ME che la faccio ridere (dice lei), facendo finta di ridere con me per nascondere agli occhi del mondo la crudele verità: ci sono due figoni che la guardano con occhi assorti, in una posa che mette in rilievo la plasticità dei loro corpi scolpiti, e lei gli ride in faccia, ovvio.

Quindi, se passate per la metro di Mosca e vedete anche voi tali individui, compatiteli: da qualche parte, c’é un’Elenina che, alla facciaccia loro e di tutti i loro sforzi, si sbrega al sol pensiero.

Franz

Annunci

3 Risposte to “Fighi sul metrò – красавцы в метро”

  1. arcipelagoobshejitie Says:

    mi dispiace contraddire, ma io di fighi a mosca ne ho visti davvero pochi… forse avete voi la calamita… mah…
    Rob

  2. arcipelagoobshejitie Says:

    certo, è il fascino discreto della Elenina coniugato al mio charme camionaro e chiassoso UASHuashuASHUashUASHuashUASHuashUASHhus

  3. Vero Says:

    Rob, a quanto pare ti toccano solo i tedeschi BHUAHAHAHAHAHAHHAHAA
    N.B. Il verbo “toccare” in questo caso credo rimarrà in senso lato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: